Collesano










Anno di fondazione:
1568
Anno di soppressione civile: 1866 
Titolo: Santa Maria dei Miracoli

Storia: Il convento fu fondato da P. Giammaria da Tusa nel 1568, su invito del popolo di Collesano. La costruzione iniziò nel 1568, come appare dal contratto con gli operai in notar Giuseppe Guarino del 19 febbraio 1568, in contrada S. Elia, fuori dell’abitato, su un terreno concesso dai Giurati. Nel 1594 andò in rovina e i Giurati, con atto in notar Giovanni Cola del 12 luglio 1594, affidarono ai frati il convento di S. Maria dei Miracoli, lasciato dai Carmelitani. Dopo la soppressione del 1866 il convento non fu più riaperto.

Arte: Quadro su tela di Gaspare Bazzano (1565 ca.-1630) che rappresenta la Madonna degli Angeli e i Santi Caterina d’Alessandria, Francesco, Andrea, Maria Maddalena (1618). Nel 1926 è stato trasferito nella Chiesa Madre. Quadro su tela di Maria SS. ma dei Miracoli, Patrona di Collesano. L’opera è di autore ignoto del XV secolo. Nel 1643, il pittore collesanese Giovanni Giacomo Lo Varchi vi aggiunse il Padre Eterno della parte superiore. Anche questo quadro, oggi, si trova nella Chiesa Madre di Collesano.

Fonti e Bibliografia

Analecta Cap. 1 (1884-85) 315; Lex. cap., 425; BONAVENTURA DA TROINA, Breve ma certa veridica notizia, 73-74 Ms in BPCME; ANDREA DA PATERNÒ, Notizie storiche, I, XXXVI-XXXVII; FILIPPO DA FIRENZE, Fondazioni de’ Conventi, Ms. in Archivio provinciale dei Cappuccini di Firenze,  45;  GESUALDO DA BRONTE, La Cappella di S. Maria dei Miracoli nella Chiesa dei Cappuccini di Collesano considerata nel diritto di patronato, Roma 1848; GIUSTINO DA PATTI, Cenni storici sui Conventi cappuccini della Provincia messinese. Frati, Scrittori e opere, Dattiloscritto in APCME; MARIANO D’ALATRI (ed.), Inchiesta 1650, III, 15; G. MENDOLA, Regesto dei documenti relativi a Gaspare Bazzano e alla sua famiglia in Vulgo Dicto Lu Zoppo di Gangi, Gangi, 1997 [Catalogo della Mostra, 19 aprile – 1 giugno 1997].

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Do il consenso