Alcara Li Fusi

Anno di fondazione: 1574
Anno di soppressione civile: 1866 
Titolo: S. Elia

Storia: Il Convento fu fondato nel 1574, come risulta dal contratto di compra del terreno in Notar Antonio Montone, stipulato l’8 ottobre del medesimo anno, realizzando così il desiderio della Comunità di Alcara, che per ben otto anni aveva avanzato la richiesta di avere i Cappuccini, e che nel 1568, per superare le difficoltà opposte dai Superiori, per i problemi della questua, offre loro la somma annua di diciotto onze e, su richiesta, il frumento se¬condo le necessità. Restaurati quindi la chiesetta, che già preesisteva, e i locali adiacenti, messo su un bel giardino "deliziosissima selva rigabile"  finalmente i frati vennero a stabilirvisi nel 1574. La Chiesetta e il convento, progressivamente, vennero ampliati negli anni 1624 (Chiesa), 1656 (Convento), 1673 (Sacrestia), 1676 (Cornice dell’Altare Maggiore eseguita da Fr. Antonino da Troina). I Frati si dedicavano all’apostolato anche nei paesi vicini e nelle campagne. 
Il Convento era dotato di una ricca Biblioteca, come attesta il catalogo redatto nel 1844 e che si trova in un volume manoscritto presso l'Archivio di Stato di Messina. Essa rimase chiusa nel convento disabitato, esposta ai saccheggi. Nel 1940 fu in parte recuperata e trasferita nella Parrocchia di S. Pantaleone.
Dopo la soppressione del 1866, nel 1892, l’orto fu venduto a privati, mentre il Convento fu affidato in uso al Comune che lo adibì parte in alloggio dei poveri, parte per stalle e fienili. Oggi esiste soltanto la Chiesa che, ultimamente, è stata restaurata. Tutto il resto è stato trasformato in Villa Comunale.

Arte: L’Altare Maggiore, adorno di un bellissimo tabernacolo in legno artisticamente intagliato ed intarsiato, con numerose statuette (che sono state rubate), paziente lavoro dei frati del XVII secolo. 

Fonti e Bibliografia

Archivio di Stato di Messina. Fondo corporazioni religiose soppresse: Cappuccini-Alcara, NN. 138, 139; Bullarium Cap., III, 323; Lex. cap., 32; ALCARA LI FUSI: Storia, leggende, tradizioni, notizie varie, Messina, 1967; ANDREA DA PATERNÒ, Notizie storiche I, XLIII-XLIV; BONAVENTURA DA TROINA, Breve ma certa veridica notizia, p. 61-65, Ms. in BPCME; S. CUCINOTTA, Sicilia e Siciliani, 606; FILIPPO DA FIRENZE,  Fondazioni de’ Conventi, II, p. 24 in Archivio provinciale dei Cappuccini di Firenze; GIUSTINO DA PATTI, Cenni storici sui Conventi cappuccini della Provincia messinese. Frati, Scrittori e opere, Dattiloscritto in APCME; G.DE MARIA, La Chiesa dei Cappuccini in Alcara, [Patti 1994], Dattiloscritto in APCM; MANGANARO Mario (a cura) Complessi religiosi nella Provincia di Messina. Rilevamenti. Messina, Sicania, 2005; MARIANO D’ALATRI (ed.), Inchiesta 1650, III, 3; G. MORELLI Gaetano, Alcara Li Fusi (Messina) Storia – Leggende – Tradizioni – Notizie varie, Messina, 1967, 110-111; L. ORITI, La Biblioteca dei Cappuccini di Alcara Li Fusi: Incunaboli e Cinquecentine. Tesi di specializzazione Scuola Bibliotecari (Roma) AA. 1997-1998).

Galleria fotografica

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Do il consenso