Acireale







 


Anno di fondazione:
1574.
Anno di soppressione civile: 1866
Titolo: Santa Maria degli Angeli

Storia:
I Frati Cappuccini nel 1574 ottennero di poter iniziare la loro presenza ad Acireale, alla periferia della Città in un posto incantevole. Venne stipulato l’atto di proprietà del terreno presso il Notaio Vincenzo Santangelo, in data 8 ottobre 1574, per poter iniziare la costruzione della Chiesa. Iniziati i lavori, il Marchese Gravina di Francofonte donò ai Frati due modesti casolari, dove vissero sino al completamento della fabbrica della Chiesa e del Convento. Nel Capitolo provinciale del 1626 si determinò di ampliare il convento e la chiesa: i lavori si protrassero sino al 1640. I Frati già nel 1587 aprirono una scuola per l’educazione della gioventù. Successivamente il Convento divenne luogo di formazione per i giovani dell’Ordine. Il convento subì una colata lavica dell’Etna nel 1669; nel 1693 il devastante terremoto, che interessò tutta la Sicilia Orientale, coinvolse la Chiesa e il Convento.  Acireale ha dato all’Ordine Cappuccino molti frati, illustri per cultura e per abilità di governo.
Dopo la soppressione del 1866 il Convento ospitò il Comizio agrario per l’utilità e l’incremento dell’agricoltura; nel 1880, al Comizio agrario si aggiunge la Società Operaia di Mutuo Soccorso dei Fratelli Sardella; successivamente i locali, liberati dalla Ditta Sardella, ospitarono le scuole elementari. Fu pure Lazzaretto (nel 1910) e dormitorio pubblico (fino al 1972) e sede del dispensario TBC e della CRI. Dal 1983 il Convento ospita gli uffici comunali. La Chiesa è parrocchia dal 1966. Da notare che, nonostante la soppressione del Convento, i Frati continuarono ad essere presenti ad Acireale, sia attraverso il Rettorato della Chiesa, come anche con la presenza di altri frati, che facevano residenza, anche se non conosciuti, nei locali del Convento. L’ultimo frate, rettore della Chiesa, Fr. Giuseppe da Acireale (Cavazza), morì nel 1908. La ricca Biblioteca del Convento, insieme con i Manoscritti, entrò a far parte del patrimonio librario della Biblioteca Zelantea.

Arte: La chiesa è ricca di opere d’arti eseguite dai rinomati pittori Acesi: Giacinto Platania (1612-1691): Maria SS.ma con i Santi Caterina d’Alessandria, Francesco d’Assisi, Chiara, Domenico, Venera (del 1661); Alessandro Vasta (1726-1793): Quadro con i Santi Lorenzo da Brindisi, Fedele da Sigmaringen, Giuseppe da Leonessa; Santi Francesco Serafino da Montegranaro e Maria SS.ma; S. Antonio con Maria SS.ma e Felice da Cantalice.

Fonti e Bibliografia

Bullarium Cap.,  III, 323;  Lex. Cap., 5; BONAVENTURA DA TROINA, Breve ma certa veridica notizia p. 93-98, Ms. in BPCME; ANDREA DA PATERNÒ, Notizie storiche, I, XLI-XLII; FILIPPO DA FIRENZE, Relazione dello Stato di tutti i Conventi cappuccini d’Italia, II, 58, Ms. in Archivio provinciale dei Cappuccini di Firenze; F. FIORE (ed.), Elenco dei Manoscritti di provenienza Cappuccina che si trovano nella Biblioteca Zelantea di Acireale, in Bollettino Ufficiale della Provincia  di Messina dei Frati Minori Cappuccini, 60(1995) 122-130; GIUSTINO DA PATTI, Cenni storici sui Conventi cappuccini della Provincia messinese. Frati, Scrittori e opere, Dattiloscritto in APCME; GIUSTINO DA PATTI, Questioni bizantine, XIV, 72-76, Dattiloscritto in APCME; A. GRASSI, Le ammirande notizie della patria di S. Venera, Messina, 1665; A. GRASSI, Compendio dell’Ammirande Notizie della Patria, Vita, e Trionfi della Gloriosa Predicatrice S. Venera, Catania 1687;  A. GRASSO – K. TROVATO, Acireale e i PP. Cappuccini. Acireale 1994 (in quest’opera viene pubblicata molto documentazione inedita riguardante i Cappuccini di Acireale che si trova nell’Archivio Storico Comunale di Acireale [= ASCA];  MARIANO D’ALATRI (ed.), Inchiesta 1650, III, 22; RAIMONDO DA CASTELBUONO, Nel quarto centenario della fondazione del Convento dei Cappuccini di Acireale, in Memorie e Rendiconti dell’Accademia degli Zelanti e dei Dafnici di Acireale 5(1975), 125-158;  V. RACITI ROMEO, Guida di Acireale, Acireale 1977;  S. RIZZO, Guida monumentale e storica di Acireale, Acireale, 1977; L. VIGO, Notizie storiche della Città di Aci-Reale, Palermo, 1836 Rist. an. Acireale, 1977; L. VIGO, Relazione generale dei lavori dell’Accademia di scienze, lettere ed arti degli Zelanti, Messina, 1841 [rist. an. Acireale, 1977]

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Do il consenso